Russia-Italia, proseguono gli incontri bilaterali. Scalfarotto (Esteri) in visita a Mosca

Il 26 febbraio, poco più di una settimana dopo l’incontro romano nel formato “2+2” tra i Ministri degli Affari Esteri e della Difesa russi e italiani, si è conclusa la visita istituzionale in Russia del Sottosegretario al Ministero degli Affari Esteri Ivan Scalfarotto.

A Mosca, il Sottosegretario ha incontrato Timur Maksimov, Viceministro russo dello Sviluppo Economico, il loro colloquio si è incentrato sulle relazioni commerciali ed economiche tra i due Paesi, con particolare attenzione al tema della politica di sanzioni a Mosca voluta dalla Unione Europea.

“Siamo consapevoli dell’impatto delle sanzioni sulla nostra economia e stiamo continuando a sensibilizzare i nostri partner UE per una valutazione approfondita sulle loro ripercussioni”, ha dichiarato Scalfarotto.

Il rappresentante italiano ha poi incontrato Arkady Dvorkovich, Presidente della Skolkovo, fondazione che si occupa di innovazione e diversificazione dell’economia russa, con cui l’Istituto nazionale per il Commercio Estero (ICE), agenzia governativa italiana per l’internazionalizzazione delle imprese italiane, ha siglato una partnership.


Inoltre, il Sottosegretario Scalfarotto ha partecipato alla mostra Collection Première a Mosca, la sfilata di moda più prestigiosa della Russia e dell’Europa orientale, dove oltre 100 marchi di lusso Made in Italy sono stati rappresentati nel padiglione italiano.

Ivan Scalfarotto ha ricordato che “l’Italia si conferma nel 2019 al secondo posto come paese fornitore di moda nella Federazione Russa. È un mercato che rappresenta grandi opportunità per le aziende italiane e stiamo collaborando con importatori e distributori russi affinché la qualità e la creatività dei nostri prodotti possano essere sempre più riconosciute e apprezzate”.

di Vittoria Scioli

Non abbiamo mai abbandonato l’idea di costruire una grande Europa veramente unita

“Siamo pronti a lavorare insieme per promuovere la cooperazione tra Russia e Unione europea su una base paritaria e reciprocamente vantaggiosa. Non abbiamo mai abbandonato l’idea di costruire una grande Europa veramente unita, senza linee divisorie, che includa la Russia, l’Unione Europea e i nostri comuni vicini. Nelle attuali circostanze, un passo importante in questa direzione potrebbe essere la convergenza del potenziale dell’Unione economica eurasiatica e dell’Unione europea. Unire così gli sforzi, tra le altre cose, contribuirebbe alla formazione di uno spazio di pace, di sicurezza pari e indivisibile e di un’ampia cooperazione economica dall’Atlantico all’Oceano Pacifico”.

Sergey Lavrov, Ministro degli Affari Esteri della Federazione Russa

Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE), reintegrata la delegazione russa

Il 29 gennaio scorso, l’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) ha ratificato il reintegro a pieni poteri della delegazione russa con 96 voti favorevoli, 44 contrari e 7 astenuti. I delegati russi, dopo una sospensione di sei anni causata dalla crisi ucraina, sono tornati a sedere con pieni diritti ai tavoli dell’organo parlamentare del Consiglio d’Europa.

Nel 2014, con lo scoppio della crisi ucraina, le relazioni tra Federazione Russa ed Unione Europea si sono raffreddate e l’APCE ha sospeso i diritti di voto dei funzionari russi. La risposta del Cremlino è stata il ritiro dei funzionari della sua delegazione dall’assemblea in segno di protesta.

L’anno scorso, l’APCE ha lasciato spazio ad una apertura nei confronti di Mosca ripristinando il diritto di voto della delegazione russa, apertura che ha portato il Cremlino a soddisfare diversi punti della Risoluzione 2292 (2019) nella quale venivano elencati i passaggi necessari per il ritorno russo nell’APCE.

Il reintegro della delegazione della Federazione Russa nell’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa rappresenta un importante passo per il riavvicinamento tra Mosca e Bruxelles.

di Diana Sofia Ciambrone

Le relazioni economiche italo-russe sono una necessità strategica per l’Italia

Mosca e Roma vantano una lunga tradizione di buoni rapporti diplomatici ed economici. Numerose aziende italiane operano nella Federazione Russa con stabilimenti produttivi in loco, attraverso investimenti diretti o in partnership con aziende locali. Il livello di import/export è altissimo: nel 2019 la Russia è stata il quinto fornitore di petrolio greggio e il primo importatore di gas naturali del nostro Paese.

Gli effetti sull’economia italiana delle sanzioni economiche europee alla Russia

Tuttavia, a partire dal 2014, l’Unione Europea, in risposta all’annessione della Crimea da parte della Russia, ha imposto a Mosca un duro regime di sanzioni commerciali. Gli effetti di questa politica economica hanno avuto un duro impatto sul volume degli scambi commerciali tra Federazione Russa e Italia.

Secondo i dati della Farnesina, tra 2015 e 2016 il valore dell’interscambio commerciale italo-russo è crollato da oltre 21 miliardi di Euro a 17,4 miliardi di Euro, un calo del 23,9%. In questo periodo, l’import italiano ha subito il colpo più duro (-46%), soprattutto nel settore dei combustibili, fondamentale per l’Italia: dalla Russia arriva il 65% del totale delle importazioni italiane. L’export italiano verso la Federazione Russa già nel 2015 ha visto un calo del 25,3% rispetto al 2014. Il settore che ha risentito maggiormente di questa caduta è quello dei macchinari, voce che assorbe il 26% degli acquisti russi.

L’Italia nel 2019 era al sesto posto nella classifica dei Paesi importatori e occupava lo stesso posto nella lista dei Paesi esportatori verso la Russia. L’Italia, nonostante sia tra i Paesi dell’Unione Europea che hanno subito in termini relativi la maggiore perdita economico-commerciale negli scambi con Mosca, resta il secondo partner commerciale europeo della Federazione Russa, preceduta solo dalla Germania.

Russia e Italia, tra complementarietà e grandi opportunità economiche

La Russia è il primo esportatore di risorse energetiche a livello globale, ma il suo settore industriale è relativamente ancora poco sviluppato, soprattutto per quanto riguarda l’area della produzione industriale leggera. L’Italia, invece, è carente di materie prime ma conta su un settore manifatturiero altamente diversificato e su una produzione agroalimentare di primordine. Questa complementarietà tra le due economie fa sì che quella tra Mosca e Roma sia una partnership economico-commerciale naturale e profondamente necessaria allo sviluppo di entrambi i Paesi.

La Federazione Russa comprende 85 soggetti territoriali organizzati, dal 2005, in 25 Zone Economiche Speciali (ZES), in “competizione” tra loro per attirare investimenti stranieri offrendo incentivi fiscali, doganali e amministrativi alle imprese estere che vi investono. Inoltre, Mosca ha lanciato negli ultimi anni un piano di modernizzazione economica. Questa fase di sviluppo non riguarda esclusivamente i settori strategici dell’economia russa ma anche il sistema infrastrutturale. Questa dinamica di modernizzazione ha aperto le porte di numerosi settori in pieno processo di crescita a potenziali collaborazioni straniere.

Il processo di modernizzazione e di espansione dell’economia russa, insieme al basso costo delle risorse energetiche e delle materie prime russe, è una occasione imperdibile per l’Italia. Il Bel Paese gode del favore dei consumatori russi, che considerano il “Made in Italy” sinonimo di qualità non solo nel settore delle “tre A” (abbagliamento, alimentare, arredamento) ma anche nel settore meccanico e tecnologico.

Per l’Italia le relazioni economiche bilaterali con la Russia sono di importanza strategica. La complementarietà tra i due sistemi economico-produttivi rende l’Italia il naturale ponte tra Federazione Russa e Unione Europea, proprio quest’ultima dovrebbe interrogarsi criticamente sulla dura politica di sanzioni verso Mosca e soprattutto sugli effetti che sta provocando sul breve e sul lungo periodo.

Valerio Ferri

 Fonte: InfoMercatiEsteri